martedì, dicembre 18, 2007

La tragica storia di Loredana

Trans suicida in una comunità
La tragica storia di Loredana


Al di là del caso specifico credo che questa storia debba far riflettere sul senso di emarginazione in cui si trovano a vivere delle persone considerate diverse dal comune sentire, omologato da una Chiesa che considera l'essere transessuale una rara patologia" Tra le anomalie psico-sessuali si colloca il transessualismo, una rara patologia che può essere descritta come la condizione di un soggetto che è sessualmente definito dal punto di vista anatomico, ma che ha sviluppato la convinzione di trovarsi in un corpo sbagliato e che pertanto nutre il desiderio non solo di comportarsi in modo consono a tale convinzione, ma di solito anche di realizzare concretamente il mutamento del proprio aspetto corporeo."
Questo è l'amore universale!!!

6 commenti:

Paola ha detto...

Abbiamo tutti bisogno di amore, qualsiasi sia la nostra identità.

Francesco ha detto...

E spesso l'AMORE a prescindere da chi siamo è messo in discussione da chi lo professa in nome di Dio!!

Paola ha detto...

Già! Come se gli Apostoli fossero stati dei 'santi' in vita: erano peccatori proprio come noi! Forse se lo dimenticano uin po' troppo spesso...Non che i trans siano peccatori, per me, lo dico parlando dal punto di vista di chi 'professa' in nome di Dio, senza capire che Lui ci vuole insegnare solo ad amare.

Francesco ha detto...

Non tollero l'ipocrisia di chi possiede la Verità Assoluta, come chi sostiene che la Via da seguire è quella Sua. Le altre o sono di seconda qualità o sono tacciate di relativismo!! Ogni riferimento a persone e cose è puramente casuale!!

Paola ha detto...

Infatti: ognuno raggiunge la sua verità facendo la sua strada!

Francesco ha detto...

E' sempre una verità illusoria che ci tingiamo addosso per dire che ci appartiene. Forse la verità sta nella non mente come sostengono molte discipline orientali! Ma per noi occidentali trainati da mille stimoli verso mille lidi è veramente difficile meditare anche se tutto è possibile dato che il cervello è plastico!

Sottoscrivi via Email

Inserisci la tua email:

Delivered by FeedBurner

Si è verificato un errore nel gadget