martedì, dicembre 23, 2008

Tumore inguaribile e consapevolezza

E' un post poco natalizio, ma è una questione che sento viva da tempo e che voglio porre all'attenzione di chi mi legge

E' meglio morire di tumore "inguaribile" vivendo tutta la fase della malattia in modo consapevole o è preferibile non far sapere niente al malato?


Sono capitati diversi casi di conoscenti, parenti che sono morti senza sapere ufficialmente niente della loro "condanna a morte".


Premetto che personalmente credo che solo una via consapevole possa invertire o rallentare un processo apparente inevitabile. Ma la consapevolezza è una parola che va molto oltre il sapere, che mi viene il dubbio che a volte sapere non significa poter svolgere un percorso consapevole verso l'ignoto che può essere anche la morte.


Nella nostra cultura la morte è qualcosa dalla quale si fugge senza rendersi conto che non sarebbe possibile senza la vita.

Illuminatemi se avete qualche sensazione più chiara della mia.


1 commento:

ME ha detto...

consapevolezza è (possibilità di) evolvere.

il resto è parte dei tabù.

ieri pomeriggio alle 16 si è spenta la mia amica nicoletta dopo un anno esatto dalla diagnosi di tumore cerebrale. lei sapeva, ha lottato. e poi non ce l'ha fatta. ma questo è un altro discorso.

e oggi, che mi sento sul bordo del grande e risucchiante vuoto che il suo andare ha creato, io sento che finché c'è vita E' vita. dopodomani non la penserò così, ma oggi, proprio oggi, ho la morte nel cuore e negli occhi e non mi fa stare molto bene.

Sottoscrivi via Email

Inserisci la tua email:

Delivered by FeedBurner

Si è verificato un errore nel gadget