domenica, agosto 02, 2009

Cosa nasconde la legge sull'aborto per non poterla eliminare pur lasciando le cose come stanno?

Oggi da uno scambio di commenti sul mio post su EMBRIO sono giunto a delle conclusioni che riassumo di seguito.

Premetto che sono contro l'aborto per profonda convinzione di natura non religiosa.

Però sono per la difesa della libertà individuale di ogni individuo, EMBRIO compreso, nei limiti in cui la libertà di ciascuno non lede la libertà altrui. Questo non è sempre possibile e l'aborto è uno di questi casi. La libertà della donna di abortire contrasta con la libertà di EMBRIO di sopravvivere, seppur EMBRIO può vivere solo nell'utero della madre che l'ha concepito insieme al padre.
In Italia esiste una legge che regolamenta l'aborto che pertanto stabilisce indirettamente che l'aborto non è un reato.
A questo punto sono giu stabilito che l'aborto non è un reato che bisogno c'è di una legge che lo regolamenti. Il fatto che prima della legge fosse un reato? Ma oggi non credo che per stabilire se un fatto specifico sia un reato o meno è necessaria una legge specifica. Ci sono i codici penali e civili se non sbaglio.
Anche se si tratta di una questione delicata, per la quale tante lotte sono state fatte, stabilito che tutti siamo d'accordo che l'aborto non è un reato possiamo semplicemente eliminare la legge, e pertanto l'aborto diventerebbe una questione puramente medica oltre che etica.
Non ho letto la legge sull'aborto e non mi interessa leggerla. Personalmente, pur essendo contrario, nel rispetto della libertà altrui, delegherei ogni aspetto a chi di competenza per le questioni mediche e psicologiche. Quindi non al legislatore, che può fare e disfare, ma a chi si deve occuparsi praticamente della questione. Non voglio banalizzare la questione ma mi sembra pura ipocrisia nascondere delle questioni ideologiche dietro una legge. Togliamo le barriere legislative su questioni sulle quali siamo tutti d'accordo che un fatto non sia un reato.
Cosa nascondiamo dietro questa legge? La Chiesa che è contraria e si pone dietro una legge per stare tranquilli. Ma siamo gente dotata di buon senso, o animali che per caso si portano una mente pensante dietro?
Da Wikipedia scopro, con sorpresa, che in Germania l'aborto, a parte nel caso di pericolo di vita per la madre, è illegale ma non punibile. In gran parte dei paesi del mondo, a parte in Europa, non è ammissibile per motivi socio-econimici.
Insomma, non mi piace la formula tanto cara ai tedeschi dell'illegale ma non punibile, ma dato che in Italia è legale, stabiliamo da qualche parte che è così e liberiamoci di una legge che crea tanti conflitti per nulla, come tante altre.

Rimango contrario all'aborto per chi si fosse perso nelle mie parole.
Lunga vita ad EMBRIO!

Nessun commento:

Sottoscrivi via Email

Inserisci la tua email:

Delivered by FeedBurner

Si è verificato un errore nel gadget