lunedì, dicembre 10, 2007

La dipendenza da computer | Indranet

La dipendenza da computer per la sopravvivenza dell’ego

Il nostro sistema nervoso possiede un meccanismo di gratificazione che, una volta attivato, può provocare processi compulsivi e di dipendenza. Su Internet, le persone possono diventare dipendenti dal gioco d’azzardo o i videogame online, la pornografia, il cybersex, le aste online, le chat, persino le news e il navigare in sé. I neuroscienziati hanno documentato anche come i centri cerebrali dell’apprendimento e del piacere siano gli stessi.La mia ipotesi che è le dipendenze connesse all’attività mentale, come la dipendenza da computer, seguono un meccanismo simile per tenere la mente occupata, e quindi farla sopravvivere. Una mente silenziosa significherebbe una non-mente; il silenzio e l’immobilità sono i peggiori nemici dell’ego, che genera e si nutre continuamente di pensieri.
Indranet

7 commenti:

Paola ha detto...

'Dipende' da quale silenzio si vuole scappare tramite la manifesta dipendenza, qualunque essa sia ;)

Francesco ha detto...

Il silezio forse è UNO, i modi per farlo sono tanti!

Paola ha detto...

Dici?

Francesco ha detto...

Forse il silenzio è come il vuoto!?!?

Cicabuma ha detto...

Il silenzio è il vuoto più pieno che si possa immaginare... Ben venga!!! Ce ne sarebbe tanto bisogno!!!
Francesca

Paola ha detto...

Il silenzio non esiste

Francesco ha detto...

il silemzio come vuoto magari è difficilmente raggiungibile ma dire che non esiste può essere affermato solo come una posizione dogmatica!!

Sottoscrivi via Email

Inserisci la tua email:

Delivered by FeedBurner

Si è verificato un errore nel gadget