sabato, febbraio 02, 2008

Aborto

Aborto, proposta dei ginecologi
"Rianimare il feto se è vivo"

I direttori di ginecologia delle università romane approvano un documento che impegna a "rianimare prematuri estremi". E uno di loro estende il campo alle interruzioni di gravidanza, "anche contro il volere della madre"

da Repubblica.it

Se uccido il feto di un essere umano che vive come faccio a non considerarlo un omicidio? Oggi forse sono troppo radicale ma mettendomi nei panni del feto non riesco a non pensare che chi mi abortisce non mi UCCIDE!
Con questo non voglio colpevolizzare chi si trova in condizioni di dover abortire, per qualsiasi ragione del mondo, e non sono contro la legge che regolarizza l'aborto, perchè è una questione, anche culturale, molto complessa.
E' solo una opinione basata sulla mia percezione della vita, che in questo aspetto coincide con quello della Chiesa cattolica, ma non deriva da essa. Ad esempio sul suicidio ho opinioni completamente diverse dalla Chiesa. Il tutto è legato al concetto di libertà. Sulla mia persona vorrei essere libero di fare ciò che voglio se sono cosciente, senza testamenti biologici che attestano verità che avevo nel passato e non per l'istante in cui devo agire.

1 commento:

Cicabuma ha detto...

Se io fossi un ginecologo non potrei lasciar morire o uccidere con le mie mani un feto se nato vivo... Mi meraviglia che fino a questo momento non si sono mai posti il problema!!! Certo che è un omicidio, un omicidio e basta, senza SE e senza MA!!!
Un abbraccio
Francesca

Sottoscrivi via Email

Inserisci la tua email:

Delivered by FeedBurner

Si è verificato un errore nel gadget